Pagina:Annali del principato ecclesiastico di Trento dal 1022 al 1540.djvu/443

Da Wikisource.

— 426 —


ramento[1]. Rinnovate, assieme al Capitolo, le compattate con Massimiliano I, quale Conte del Tirolo, e promesso di separare e restituire il denaro di ragione di Cesare, che il defunto vescovo Giorgio doveva avere presso di sè, Bernardo Clesio entrò nel possesso del Principato con magnifica pompa[2]. Il giorno susseguente al possesso fu consecrato vescovo solennemente, e dall’imperatore Massimiliano gli venne accordata la investitura dei regali[3].

Nel 1515 il vescovo Bernardo confermò il privilegio dato dal Magistrato consolare di Trento, come a benemerito della letteraria repubblica e a precettore pubblico nella città, a Giano Pirro Pincio mantovano, che diede alle stampe le vite dei duchi e vescovi di Trento, e fu celebre panegirista di Bernardo Clesio. Li 12 marzo dello stesso anno, Bernardo rinnovò la feudale investitura del Marchesato di Castellaro a Francesco marchese di Mantova, ricevente col mezzo d’un suo procuratore, contro il solito reversale[4]. Li 16 di maggio fu pubblicato dagli arbitri comuni il laudo risguardante le collette straordinarie, l’imposizione delle quali veniva impugnata dalle comunità di Meano, di Albiano e di Civezzano contro le comunità di Vigolo, di Vattaro, di Bosentino e consorti[5]. Il 1.° settembre, Bernardo spedi all’abbadessa di S. Chiara di Merano

  1. Miscellanea Alberti, T. VI, fol. 232.
  2. Miscell. Alb., T. IV, fol. 39. Innoc. a Prato, Lib. XII, p. 217.
  3. Miscell. Alberti, T. III, fol. 225.
  4. Miscell. Alberti, T. III, fol. 159.
  5. Miscell. Alberti, T. V, fol. 160.