Pagina:Avventure di Robinson Crusoe.djvu/131

Da Wikisource.

robinson crusoe 107


Malattia.



18.


Piovve tutto giorno, nè per conseguenza mi mossi punto di casa. Pensai che la pioggia producesse il freddo improvviso onde mi sentii come agghiacciato: cosa per altro ch’io sapeva non essere solita sotto questa latitudine.

19. Mi sentii assai male e sempre tormentato da brividi, come se la stagione fosse stata fredda.

20. Non ho dormito tutta la notte; violento male di capo e febbre.

21. Malissimo; atterrito quasi a morirne dal pensare alla trista mia condizione di essere ammalato e non avere chi mi presti assistenza: ho pregato Dio, ed e stata la prima volta dopo quella bufera su le acque di Hull; ma sapeva ben poco quel ch’io mi dicessi, o non ne conosceva il perchè: tanto erano confuse tutte le mie idee.

22. Un po’ meglio, ma sempre agitato dalle paure che accompagnano le malattie.

23. Un’altra volta malissimo; freddo e brividi oltre ad un terribile male di capo.

24. Assai meglio.

25. Una violentissima febbre; l’accesso di essa mi ha tenuto sette ore: freddo, poi caldo, indi sudori deprimenti.

26. Meglio; e non avendo carne di cui cibarmi, sono uscito col mio moschetto ad onta di un’estrema debolezza: pure ho ammazzata una capra che mi ho portata a casa con molto stento; arrostitone un pezzo, me ne sono cibato. Ne avrei volentieri fatto uno stufato, come pure avrei voluto procacciarmi con essa un poco di brodo; ma mi mancava una pentola.

27. La febbre tornò ad essere sì violenta, che rimasi in letto tutto il giorno senza mangiare nè bere. Io stava per morire di sete; ma in quello stato di debolezza non aveva forza per tenermi in piedi