Pagina:Avventure di Robinson Crusoe.djvu/133

Da Wikisource.

robinson crusoe 109


uomo avvolto in una gran vampa di fuoco che scendeva a terra. Sfolgorava sì tremendamente da tutte le parti, che i miei occhi non reggevano a fisarsegli incontro; l’aspetto di esso ineffabilmente spaventoso è impossibile a descriversi con parole; allorchè si movea, credeva che la terra traballasse come appunto nel giorno del tremuoto, e tutta l’aria sembravami in fiamme. Appena postosi a camminare, veniva alla mia volta brandendo una lunga lancia o spada a due mani destinata ad uccidermi; poi arrivato sopra un’eminenza ed in minore distanza da me, mi parlò, o vero credei udire una voce sì tremenda che m’agghiacciò d’uno spavento di cui tenterei invano or darvi un’idea. Quanto posso dire di ricordarmi son queste parole: Dopo aver veduto tutto ciò che hai veduto, non ti sei ridotto a penitenza: or morrai! dopo i quali detti mi parve vedergli sollevare la brandita arma per darmi morte.

Niun leggitore si aspetti ch’io sapessi render conto a me stesso dell’orrore di cui tal visione mi aveva compreso; intendo dire che ancorchè questa fosse un sogno, la mia mente era di per sè stessa immersa in un delirio, che con quel mio orrore si conformava[1]; nè è possibile il descrivere l’impressione che me ne rimase allorchè svegliandomi m’avvidi d’avere meramente sognato.

Io non avea per mia disgrazia verun principio di religione; chè quanti me ne aveva instillati l’educazione del mio buon padre erano svaniti dopo un corso non interrotto per otto anni di vita licenziosa da marinaio, e di un costante conversare con compagni scapestrati e dissoluti al massimo grado come era io. Io non mi ricordo di avere avuto in tutto quell’intervallo un pensiere che m’innalzasse a Dio, o mi traesse a scendere entro me stesso per esaminare la mia condotta. Una perfetta stupidezza, ugualmente lontana dal desiderio del bene e dalla coscienza del male, mi dominava interamente; ond’era tutto quel che di peggio, di più incallito nella colpa, di più spensierato potesse immaginarsi fra i nostri comuni marinai; basti il dire ch’io non aveva alcun sentimento di timor di Dio nel pericolo, o di gratitudine a lui dopo esserne liberato.

Ove si richiami ad esame tutto quanto ho già narrato della mia

  1. I mean, that even while it was a dream, I even dreamed of those horrors. Così il testo. Si vedrà fra poco perchè l’autore faccia dir così al personaggio della sua storia.