Pagina:Avventure di Robinson Crusoe.djvu/14

Da Wikisource.
2 robinson crusoe


chiamato da poi Robinson Kreutznaer: ma per l’usanza che si ha nell’Inghilterra di svisar le parole, siamo or chiamati, anzi ci chiamiamo noi stessi e ci sottoscriviamo Crusoe, e i miei compagni mi chiamarono sempre così.

Ebbi due fratelli maggiori di me; un de’ quali, tenente-colonnello in un reggimento di fanteria inglese, servì nella Fiandra sotto gli ordini del famoso colonnello Lockhart, e fu morto nella battaglia presso Dunkerque contro agli Spagnuoli. Che cosa addivenisse dell’altro mio fratello, non giunsi a saperlo mai più di quello che i miei genitori abbiano saputo in appresso di me.

Terzo della famiglia, nè educato ad alcuna professione, la mia testa cominciò sino di buon’ora ad empirsi d’idee fantastiche e vaghe. Mio padre, uomo già assai vecchio, che mi aveva procurata una dose ragionevole d’istruzione, per quanto può aspettarsi generalmente da un’educazione domestica e dalle scuole pubbliche del paese; mi destinava alla professione legale; ma nessuna vita mi garbava fuor quella del marinaio, la quale inclinazione mi portò si gagliardamente contro al volere, anzi ai comandi di mio padre, e contro a tutte le preghiere e persuasioni di mia madre e degli amici, che si sarebbe detto esservi nella mia indole una tal quale fatalità, da cui fossi guidato direttamente a quella miserabile vita che mi si apparecchiava.

Mio padre, uom grave e saggio, mi avea dati seri ed eccellenti consigli per distogliermi da quello ch’egli presentì essere il mio disegno. Mi chiamò una mattina nella sua stanza ove lo confinava la gotta, e lagnatosi fortemente meco su questo proposito, mi chiese quali motivi, oltre ad un mero desiderio di andar vagando attorno, io m’avessi per abbandonare la mia casa ed il mio nativo paese; ove io poteva essere onorevolmente presentato in ogni luogo, e mi si mostrava la speranza di aumentare il mio stato, l’applicazione e l’industria, e ad un tempo la sicurezza di una vita agiata e piacevole. «Sol per due sorte d’uomini, egli mi diceva, è fatto il cercare innalzamento e fama per imprese poste fuori della strada comune: per quelli che non hanno ove cascar morti, e per coloro ai quali ogni ricchezza, ogni ingrandimento sembrano pochi. Or tu sei troppo al di sopra o al di sotto di questi; la tua posizione è in uno stato mediocre, in quello stato che può chiamarsi il primo nella vita borghese, posizione che una lunga esperienza mi ha dimostrata siccome la