Pagina:Avventure di Robinson Crusoe.djvu/364

Da Wikisource.
314 robinson crusoe


Pronostico avverato.



Dopo avere con molta fatica tirata la scialuppa a tanta altezza di spiaggia, che la più grossa marea non avrebbe potuto rimetterla all’acqua, ed assicurati che il foro fattole nel fondo fosse ampio abbastanza da non poterlo ristuccare così su due piedi, ci eravamo seduti su l’erba pensando a quello che ci sarebbe ora tornato meglio di fare. Non andò guari che udimmo uno sparo di cannone sul vascello, e gli vedemmo alzare il segnale che intimava alla scialuppa di tornare a bordo; ma la scialuppa certo non si moveva, e quelli del bastimento ripeterono gli spari di cannone e i segnali. Finalmente quando furono convinti che tutti i loro spari e segnali erano infruttuosi, e che la scialuppa non si movea, vedemmo col soccorso del mio cannocchiale che aveano, com’io lo avea pronosticato, lanciata in mare una seconda scialuppa, la quale veniva inverso alla nostra spiaggia di tutta corsa. Quando questa ci fu più da vicino, potemmo discernere che non vi stavano entro meno di dieci uomini, e che costoro questa volta si erano muniti d’armi assai bene.

Poichè il vascello non era più lontano di circa due leghe dalla spiaggia, li vedemmo perfettamente dal primo momento in cui si avviarono, e se ne poterono fin discernere i volti, perchè la marea avendoli spinti un po’ più del dovere al levante della volta che avea presa lo scappavia, remarono rasente la spiaggia per isbarcare nello stesso sito ove gli altri. Il capitano intanto potè darmi esatto conto delle persone che s’avanzavano e delle loro nature; tre de’ quali, secondo lui piuttosto buoni diavolacci, s’erano lasciati trascinare nella congiura dalla prepotenza degli altri. Ma quanto al guardastiva[1] che pareva il capo di quella spedizione, e al resto di ciurma

  1. Uficiale marinaio che ha cura del sartiame, delle ancore e di tutti gli attrezzi che a queste appartengono.