Pagina:Avventure di Robinson Crusoe.djvu/368

Da Wikisource.
318 robinson crusoe


se ci lasciavamo sfuggire la scialuppa; e certo i tre uomini posti a guardarla non avrebbero mancato in tal caso di condursi a bordo del vascello, che avrebbe salpato e date le vele; e addio nostre speranze di ricuperarlo mai più! Pure non avevamo altro rimedio fuor dell’aspettare e vedere qual partito ci potesse venire dall’esito delle cose o in una maniera o nell’altra.

Poichè i sette uomini furono sbarcati, i tre lasciati nella scialuppa la spinsero ad una buona distanza dalla spiaggia, e colà gettarono l’âncora per aspettare i compagni. Quanto ai tre della barca, ne parea dunque tolta ogni speranza di raggiugnerli.

Quelli della spiaggia, tenendosi in serrato drappello, si avanzavano verso l’altura del piccolo poggio sotto cui giacea la mia abitazione, onde li vedevamo pienamente, benchè eglino non potessero veder noi. Noi avremmo desiderato, o che ci venissero a tiro tanto da far fuoco sovr’essi, o che andassero più lontani per lasciarci spazio più aperto. Giunti alla cresta della collina da cui poteano dominare con l’occhio un gran tratto di boschi e valli posti al nord-est (greco), e che formano la parte più bassa dell’isola, si diedero a gridare ed urlare fino al segno di non poterne più. Ma non volendo a quanto

Avventure di Robinson Crusoe p368.png