Pagina:Avventure di Robinson Crusoe.djvu/39

Da Wikisource.

robinson crusoe 27


La mia prima astuzia si fu quella di trovare un pretesto per mandare il Moro a cercare alcun che per la nostra sussistenza, mentre saremmo rimasti a bordo; perchè non dovevamo, gli diss’io, pensare a cibarci delle cose preparate ivi dal nostro padrone. Egli disse che ciò era giusto: in fatti porto un gran canestro di rusk, che è il loro biscotto, e tre orci di acqua fresca. Io sapeva dove stesse la cassa de’ liquori del mio padrone, i quali, come appariva evidentemente dalla fattura dei fiaschetti, erano una preda fatta su qualche vascello inglese, e la portai a bordo intantochè il Moro stava su la spiaggia, facendo credere che fosse stata posta ivi precedentemente per ordine del nostro padrone. Vi portai ancora un gran pane di cera che pesava più d’un mezzo quintale, ed una certa quantità di spago e di filo, un’accetta, un martello ed una sega, le quali cose ci resero grande servigio in appresso, specialmente la cera per far candele. Inventai un altro inganno, nel quale il Moro cadde parimente con la massima buona fede. Questi si nomava Ismael, che lì veniva chiamato Muley, o vero Moley; così dunque lo chiamai ancor io.

— «Moley, gli dissi, son qui a bordo i moschetti del nostro padrone; non potreste voi andar a prendere un poco di polvere e di pallini? Può darsi che ne accada di ammazzare alcune alcamie[1] per noi, perchè so che ha lasciato nel brigantino la sua provvigione di polvere.

— Sì, me andare, e portarvi quel che voi mi dire.»

E di fatto portò una grande borsa di cuoio che conteneva una libbra e mezzo di polvere, piuttosto più che meno, e un’altra di pallini che pesavano cinque o sei libbre, ed anche alcune palle, mettendo tutto nella scialuppa. Nel tempo stesso io aveva trovata della polvere spettante al mio padrone, con la quale empietti uno de’ maggiori fiaschetti della cassa di liquori che era quasi vuota, versando il liquore che ci rimaneva in un altro fiaschetto; così provvedute tutte le cose necessarie, salpammo dal porto per andar a pescare.

Le guardie del castello poste all’ingresso del porto sapevano chi eravamo, onde non badarono a noi; ed eravamo più d’un miglio lontani dal porto quando ammainammo la nostra vela, e ci sedemmo per pescare. Il vento spirava da greco-tramontana (nord-nord-est) il che contrariava le mie intenzioni, perchè se avesse spirato da mezzogiorno, sarei stato sicuro di prendere la costa di Spagna, e di

  1. Uccelli che sono una specie delle nostre pavoncelle.