Pagina:Avventure di Robinson Crusoe.djvu/451

Da Wikisource.

robinson crusoe 395


menoma delle vostre proprietà vi sia tolta. Quanto al mettervi a terra su qualche spiaggia, la è questa veramente una grande difficoltà per noi, perchè il nostro vascello ha l’obbligo di veleggiare alle Indie Orientali; e benchè ci siamo distolti un bel pezzo dalla nostra via governando verso ponente, per venirvi in aiuto, diretti forse dal cielo che ha voluta la vostra salvezza, non per questo n’è lecito cangiare per voi di nostro arbitrio la direzione del viaggio prescrittone: nè il capitano, mio nipote, può assumersi un simil rischio co’ padroni del carico di questo bastimento; perchè il suo contratto di noleggio l’obbliga a continuare direttamente e senza interruzione il suo viaggio alla volta del Brasile. Tutto quanto vedo potersi fare per voi si è mettervi su la via d’incontrarvi in altro bastimento che torni dall’Indie Orientali, e cercarvi, se è possibile, sovr’essi un tragitto a qualche parte dell’Inghilterra o della Francia.»

La prima parte della mia proposta era sì generosa e cortese rispetto a loro, che non poteano non essermene grati, ma li pose nella massima costernazione, specialmente i passeggieri, l’udire che non poteano evitare di essere trasportati all’Indie Orientali. Si fecero quindi a supplicarmi affinchè, essendo io già deviato assai verso ponente, prima ancora d’incontrarli, facessi tanto di continuare la stessa direzione fino ai Banchi di Terra Nuova, ove probabilmente potrebbero abbattersi in qualche bastimento o schifo, che avrebbero noleggiato per farsi trasportare nuovamente al Canadà, donde venivano.

Parvemi sì ragionevole questa loro inchiesta, che mi sentii tosto propenso a secondarla. Considerai in oltre che costringere tutte quelle povere creature a venire con noi sino alle Indie Orientali sarebbe stato non solamente una intollerabile asprezza esercitata sovra esse, ma pure un compromettere tremendamente la nostra navigazione, perchè ci avrebbero mangiate tutte le vettovaglie. Pensai però che il condiscendere ai loro desideri non era un mancare al nostro contratto di noleggio, ma bensì un arrendersi ad una necessità nata da un incidente che non potendo essere preveduto da niuno, niuno potea farne colpa di averle obbedito. Certamente tutte le leggi divine ed umane ne proibivano di negar rifugio a quelle due scialuppe cariche di miserabili, ridotti ad una condizione sì disperata. Dopo ciò la natura stessa della cosa volea che e per amor nostro e per amor loro li tragettassimo in una spiaggia, fosse poi una od un’altra, per compiere nel miglior modo l’opera della loro