Pagina:Avventure di Robinson Crusoe.djvu/474

Da Wikisource.
416 robinson crusoe


di cui non sapemmo allora fare il conto, e impadronitisi dello scappavia non per anche tirato a bordo, se n’erano iti a raggiungere i tre mariuoli loro confratelli rimasti nell’isola. Appena scopertasi questa nuova furfanteria di que’ ribaldi, non tardammo a mandar dietro loro una scialuppa con entro dodici uomini e l’aiutante. Ma questi non poterono rinvenire nè i due fuggitivi, nè i tre cialtroni che, veduti avvicinarsi i nostri alla spiaggia, s’appiattarono nel più folto dei boschi. Era venuto all’aiutante il pensiere di prendersi una soddisfazione contro a costoro col distruggere le piantagioni e bruciar tutte le domestiche loro suppellettili e vettovaglie, poi lasciarli lì che si tirassero come poteano d’imbarazzo. Ma non avendo ordini su di ciò, non ne fece altro, e lasciate tutte le cose come trovate le avea, ricuperò soltanto lo scappavia; poi se ne torno a bordo senza i due ladri.

Intanto ecco l’isola popolata da cinque uomini. Ma i tre primi cialtroni superavano tanto in ribalderia i due sopraggiunti, che, dopo essere vissuti due o tre giorni con questi, li misero fuori di casa, abbandonandoli alla ventura. Non volendo indi avere nulla di comune con essi, ostinaronsi per un pezzo a non somministrar loro alcuna sorta di sussistenza: notate che gli Spagnuoli non erano per anche arrivati.