Pagina:Avventure di Robinson Crusoe.djvu/505

Da Wikisource.

robinson crusoe 447


Ma lasciamo da banda le osservazioni e torniamo alla nostra storia. I tre furfanti per mettere in opera il loro disegno ricorsero ad un sutterfugio; onde venuti una mattina all’abitazione degli Spagnuoli, chiesero con modi i più umili di essere ascoltati. Secondata di tutto cuore dagli Spagnuoli la loro inchiesta, ecco le cose che esposero:

— «Da vero non possiamo durarla alla vita che facciamo. Noi non siamo abili al lavoro abbastanza per procurarci da noi le cose di cui manchiamo, e privi d’aiuto prevediamo che un dì o l’altro morremo di fame. Se voi vorreste lasciarci uno de’ vostri canotti, entro cui potessimo imbarcarci e fornirci armi e munizioni proporzionate al bisogno della nostra difesa, noi imprenderemmo un viaggio al continente per cercare ivi se ne riuscisse di avere più buona fortuna. Così anche voi sareste liberi dalla molestia di farci novelle sovvenzioni di viveri.»

Certamente non pareva una disgrazia agli Spagnuoli il liberarsi da questi galantuomini; pure, onesti com’erano, non si stettero dal fare ad essi rimostranze, tutte intese al loro meglio.

— «Figliuoli, voi volete correre in braccio alla vostra distruzione. Nel paese ove vi prefiggete di andare abbiamo passati troppi disastri per potervi pronosticare senza spirito di profezia, che ci morrete o affamati o scannati. Pensate bene ai casi vostri.

— Qui già, replicarono audacemente i mascalzoni, morremmo di fame sicuramente, perchè non abbiamo nè forza nè volontà di lavorare. Il peggio che possa accaderne e morir di fame anche dove andremo. Se poi ci ammazzano, la morte fa finire tutte le disgrazie. Noi non abbiamo nè donne nè ragazzi che ci piangano dietro. In somma (soggiunsero rincalzando con insistenza la loro inchiesta), se acconsentite alla nostra domanda, bene; se no, andremo anche se non ci date armi.

— Quando poi siate così risoluti di andarvene, soggiunsero gli Spagnuoli con la massima cortesia, non permetteremo che partiate ignudi ed in istato da non potervi difendere. E benchè d’armi da fuoco non nè abbiamo troppe nemmeno per noi, nondimeno vi daremo due moschetti ed una pistola, cui aggiungeremo una spada piatta e a ciascuno di voi una scure, che e quanto dovrebbe bastarvi.»

In una parola, costoro accettarono l’offerta. Gli Spagnuoli fecero