Pagina:Avventure di Robinson Crusoe.djvu/596

Da Wikisource.
526 robinson crusoe


abbracciare il cristianesimo, non sono più quieti finchè non hanno convertiti tutti gli altri, perchè la vera religione è comunicativa, e chi una volta è Cristiano non si lascia più, se lo può, alcun pagano dietro di sè.»

Confessai che era un principio cristianissimo il pensarla così, e che ciò era una prova in lui di un vero zelo religioso ad un tempo e d’un animo generoso.

— «Ma, amico mio, qui aggiunsi, mi date voi permesso di confessarvi su questo proposito una cosa, che non giungo a comprendere?

— Qual è?

— Non ho certo la menoma obbiezione da fare a questa affettuosa sollecitudine che vi prendete per togliere tutti quegli sfortunati dalle tenebre del paganesimo e condurli alla luce della religione di Cristo. Ma che conforto ne avete voi se la donna abbraccia la fede di suo marito? Secondo voi son sempre esclusi del grembo della chiesa cattolica, senza di che non può esservi salvazione; non gli avete per conseguenza in minore conto d’eretici e, per altre ragioni non meno simili nell’effetto, dannati al pari dei pagani.

— Signore, egli mi rispose con esuberante ingenuità, sono cattolico, sono un prete dell’ordine di San Benedetto, e come tale abbraccio tutti i principî della chiesa romana; pure, nè dico ciò per farvi un complimento o per un riguardo alle cortesie che mi avete usate, quando penso a voi altri che vi chiamate protestanti, nol fo senza un certo spirito di carità. Non ardisco affermare, benchè sia questa in generale l’opinione de’ miei confratelli, che voi non possiate salvarvi.[1] Io non intendo di limitare la misericordia divina al segno di credere ch’egli non possa condurvi sotto il pallio della sua chiesa per impercettibili vie; e spero che voi altri abbiate per noi la medesima carità. Prego ogni giorno questo Dio, affinchè vi faccia rientrare nel seno della sua chiesa, valendosi di quei mezzi che alla sua infinita antiveggenza sembreranno i migliori. Intanto mi concederete sicuramente che spetta appunto alla mia qualità di sacerdote e di cattolico

  1. Poichè l’opinione del prete cattolico è, come si vede dal progresso di questo stesso suo discorso, che tutti i Protestanti possano con opere buone meritarsi da Dio la grazia di essere illuminati e chiamati nel grembo della chiesa cattolica, fa torto ai suoi confratelli nel dipingerli in generale d’avviso diverso. La sua eccezione doveva escludere sol quelli che non conoscono il vero spirito della carità cristiana. È per altro fatalmente vero che questi tali ai suoi giorni erano molti.