Pagina:Avventure di Robinson Crusoe.djvu/684

Da Wikisource.
606 robinson crusoe


— «Caro il mio galantuomo, se non fate grazia di spiegarvi più chiaramente, io non so da vero che pericoli m’abbia a temere da vascelli inglesi o olandesi. Non sono un contrabbandiere io. Dunque che cosa hanno a farmi?»

Mi guardò con occhio mezzo corrucciato e mezzo festevole; poi conchiuse sorridendo:

— «Ebbene, signore, se vi tenete in tutta questa sicurezza, siete padrone di provare. Mi spiace che il vostro destino sia d’accecarvi al segno di non accettare un parere da amico. Per altro assicuratevi che, se non vi ponete in mare speditamente, vi vedrete con la prossima marea assalito da cinque scialuppe, pieni d’uomini ben armati, e se vi agguantano, rischiate forse d’essere impiccato come pirata, e se lo meritaste sì o no, lo esamineranno dopo. Avrei sperato, signore, di vedermi ricevuto meglio, quando vi presto un servigio di tanta importanza.

— Non si dirà mai ch’io mi mostri ingrato a nessuna sorta di servizio, nè verso chi cerca d’usarmi cortesia. Ma io non giungo ad intendere le persone di cui parlate, che intenzione possano avere di trattarmi in questa maniera. Pure, poichè m’accertate che non ho tempo da perdere e che vi è in aria qualche odioso disegno contro di me, corro subito a bordo e salpo, o chiusa o non chiusa la falla; nel secondo caso però purchè possiamo tenerci in mare. Ma voi mi lascerete partire affatto all’oscuro sul motivo di questa faccenda? Non mi darete almeno qualche schiarimento maggiore?

— Io non posso dirvi altro che una parte di tale storia; nondimeno ho qui con me un piloto olandese, che indurrei, me ne persuado, a dirvi il restante, se non ci fosse sì poco tempo ad indugi. Ma il compendio di quel che posso dirvi io, benchè suppongo che ne siate voi medesimo abbastanza informato, sta qui: Voi foste col bastimento su cui vi trovate ora a Sumatra; il capitano del bastimento stesso e tre de’ suoi furono trucidati dai Malesi: voi, o qualcuno di quelli che erano a bordo in vostra compagnia fuggirono, e voi altri fuggiste col legno non vostro, e vi buttaste a fare i corsari. Quest’è in succinto la storia; e come corsari, se non vi date attorno, sarete presi tutti, ve ne accerto, e giustiziati senza metterci su nè olio nè sale, perchè l’uso dei legni mercantili, lo sapete, è quello di non far lunghi processi ai pirati, se giungono ad averli nelle mani.