Pagina:Avventure di Robinson Crusoe.djvu/703

Da Wikisource.

robinson crusoe 625


dargli la caccia; anzi se le due davanti fossero state secondate dall’altre, ci cadea sicuramente. Ma sol due essendo arrivate a tiro di raggiugnerlo, il corsaro virò di bordo, fece fuoco sovr’esse e le sconquassò prima che le altre arrivassero. Allora postosi in alto mare, le scialuppe non danneggiate non poterono più tenergli dietro, e quello fuggì. Ma in quell’occasione delinearono i segnali del bastimento con tanta esattezza, che non possono mancar di conoscerlo ovunque lo incontrino; e se ciò accade, hanno giurato di non dar quartiere nè a comandante nè a comandati, e d’impiccarli quanti sono ad un braccio di pennone.

— Come! esclamai. Li giustizieranno o a torto o a ragione? Gli impiccheranno prima, e li giudicheranno dopo?

— Signore, non c’è bisogno di grandi formalità con bricconi di quella fatta. Legarli uno alla schiena dell’altro e mandarli a stare in fondo del mare sarebbe poco a petto di quello che hanno meritato.»

Il mio vecchio nè potea andar fuori del bastimento senza che io lo sapessi, nè stando lì farmi del male, onde gli tenni il discorso che or sentirete.

— «Or bene, signor Portoghese, è questo appunto il motivo per cui desidero che mi conduciate a Nang-King, e non ho nessuna voglia di cangiar direzione per cercare nè il vostro Macao, nè verun porto ove sieno soliti bazzicare navigli olandesi o inglesi. Dovete sapere che questi signori capitani, olandesi o inglesi che sieno, gli ho per un branco di spensierati, d’insolenti, di temerari, che non sanno dove stia di casa la giustizia, nè comportarsi secondo veruna legge o di Dio o della natura. Fatti boriosi dal comandare ad uno straccio di legno mercantile senza conoscere nemmeno i limiti del loro potere, non avrebbero difficoltà di farla da assassini per punire un creduto ladro, e di commettere a mano salva villanie contra un povero accusato senza prendersi l’incomodo di verificare nei debiti modi se sia a torto o a ragione. Ma forse viverò tanto che basti, per chiamarli ad un rendiconto di tal loro procedere, e far che imparino come la giustizia vada eseguita, che imparino a mal loro costo, quanto sia azione da sconsigliati il trattare da delinquente un uomo prima d’avere verificato il delitto, e s’egli sia quel tale che lo ha commesso.»

Raccontatogli quindi come il nostro bastimento fosse quello stesso che fu assalito per le disposizioni date da essi, gli feci un’esatta