Pagina:Avventure di Robinson Crusoe.djvu/767

Da Wikisource.

robinson crusoe 679


prigionieri, slegammo ad essi i piedi, li liberammo della sbarra che avevano in bocca, indi schieratili dinanzi al mostruoso loro idolo, gli demmo fuoco da tutte le bande.

Stemmo lì un quarto d’ora circa aspettando che scoppiasse la polvere da noi posta in tutti i buchi della testa dell’idolo; e quando fummo persuasi che lo scoppio lo avesse fesso, sfigurato, in somma ridotto ad essere soltanto un informe tronco arrostito, che la fiamma postagli intorno non avrebbe tardato a con vertire in bragia, cominciavamo a pensare d’andarcene. Lo Scozzese si oppose.

— «Non capite, egli dicea, che se ci scostiamo di qui, que’ poveri forsennati si lanciano nel fuoco e bruciano in compagnia del loro idolo?»