Pagina:Avventure di Robinson Crusoe.djvu/776

Da Wikisource.
686 robinson crusoe


Janezay che, mi fu detto, dividea l’Europa dall’Asia,[1] *benchè in ciò tutti i geografi non s’accordino. Ma ciò non monta; la cosa certa si è che questo fiume termina a levante nell’antica Siberia, provincia oggidì dello sterminato dominio russo e grande essa sola come tutto l’impero germanico preso insieme.*

Osservai che quivi parimente l’ignoranza e il paganesimo continuavano a prevalere, eccetto tra le guarnigioni moscovite. Tutto il paese posto tra i fiumi Oby e Janezey e affatto pagano, e gli abitanti sono selvaggi al pari de’ Tartari più remoti, anzi per quanto io so, al pari d’ogn’altra nazione dell’Asia, o dell’America. Dirò di più: ho trovato che que’ poveri pagani non sono nè più dirozzati nè più vicini a farsi cristiani per essere posti sotto un governo moscovita: cosa che non mancai di dire ai governatori co’ quali ebbi cagione di conversare. Questi stessi mi davano ragione, ma soggiugnevano:

— «Questo non è affare che dipenda da noi. Se lo czar avesse in cuore di convertire i suoi sudditi tartari, tonghesi e della Siberia, dovrebbe mandare fra questi popoli degli ecclesiastici, non de’ soldati. Ma (qui mi diedero una pruova di sincerità maggiore ch’io non m’aspettava) al nostro monarca sta più a cuore, crediamo, il farsi de’ sudditi che dei Cristiani.»

Nell’estensione frapposta tra il Janezay e il grand’Oby vedemmo terreni incolti e spopolati; in sè stesso per altro il paese sarebbe fertile e piacevole. Tutta la contrada è abitata da pagani, se si eccettuino quegli abitanti che vi manda la Russia; perciocchè è questo il paese (intendo le due rive dell’Oby) ove sono esiliati que’ Moscoviti che, essendo giudicati rei, non vengono condannati a morte, o se condannati a morte, ottengono grazia della vita. La posizione geografica di questa terra d’esilio è tale che, come dovrò dirlo in appresso, è impossibile per essi l’uscirne.

Nulla ho a dire d’importante su i miei affari particolari fino al momento del mio arrivo a Tobolsk, città capitale della Siberia, ove mi fermai qualche tempo per le ragioni che vengo a descrivere.

  1. Qui pure il tratto contrassegnato da due asterischi non si trova in diverse edizioni inglesi.