Pagina:Avventure di Robinson Crusoe.djvu/93

Da Wikisource.

robinson crusoe 73


Sul verde spianato posto dinanzi all’accennata cavità, non più largo di circa cento braccia, e presso a poco due volte altrettanto lungo, io divisai dunque di piantar la mia tenda innanzi alla cui porta lo spianato formasse una specie di giardino; l’estremità di questo spianato scendeva irregolarmente da tutte le bande a guisa di pendìo che toccava il mare. Esso era al nord-nord-west (maestro-ponente), del monte, difeso quindi dal caldo in ciascuna giornata finchè il sole venisse all’incirca tra ponente ed ostro, il che in questi paesi accadea presso l’ora del tramonto.

Prima di piantar la mia tenda descrissi dinanzi all’accennata cavità un semicircolo, il cui diametro da un’estremità all’altra teneva una distanza di venti braccia dallo stesso monte.

In questo semicircolo piantai due filari di forti pali conficcandoli nel terreno tanto che prendessero la consistenza di veri pilastri, la cui parte più massiccia usciva presso a cinque piedi e mezzo da