Pagina:Canti del Friuli.djvu/42

Da Wikisource.



Canti del Friuli 0044-1.jpg



Tutto ora è pace. Nell’azzurro cielo
grandeggia nera dei pini la chioma;
diafana fugge la lunata costa,
                        4e si dilegua

in un vivace tremolio d’argento,
tra i giunchi verdi ed il falasgo bruno,
che, attorto in funi, alle gradensi antenne
                        8fermò le vele.

Le vele gaie di rosso e di giallo
dei Gradenighi, dei Brandochieli
sul remo saldi, dei Bolani e Balbi
                        12latino sangue

venuto a questa imperial dimora
aquileiense, a questa nuova Roma,
armata contro il secolare assalto
                        16dell’orïente.