Pagina:Dodici monologhi di Gandolin.djvu/28

Da Wikisource.
22 la mano dell’uomo


modo semplicissimo: si dice che è un uomo di tatto.

Ma c’è qualche cosa di ben più significante. Quale espressione si usa comunemente per definire un grande oratore? Si dice forse che ha una bella figura? Una voce magnifica? Un naso greco? No, si dice soltanto che ha un eccellente modo di porgere. Poichè se la mano non porgesse, non distribuisse le parole, credetelo pure, la voce umana sarebbe il suono meno piacevole di questo mondo. Ne volete una prova luminosa, palpabile? Esiste un animale che parla come me, come voi, ma è privo delle mani: e appunto perchè senza mani non credo vi sia sulla terra un tormento peggiore di lui, e questa piaga sociale, quest’ira di Dio, quest’animale, o signori, è il telefono.

E se il telefono non basta, guardate il papagallo: la parola non serve al papagallo che a compromettere un finale nel Ratto delle Sabine.

Il macacco che non parla è molto superiore al papagallo: e noi tutti, infatti, conosciamo dei macacchi che occupano magnifiche posizioni in società.