Pagina:Dodici monologhi di Gandolin.djvu/32

Da Wikisource.
26 la mano dell’uomo


Scevola alla Mano nera. Mi limiterò invece a dire che i caratteri distintivi dell’uomo, non risiedono già, come crede il volgo, nel viso, ma nelle mani. La faccia, col semplice taglio della barba, con una truccatura, una smorfia, può essere modificata a tal segno da renderla assolutamente irriconoscibile. Le mani invece, saranno sporche o pulite, ma sono sempre quelle.

Credete a me, o signori, se volete d’ora in poi studiare il carattere d’un uomo, guardate le sue mani.... guardate dove le mette, guardate che uso ne fa nei bisogni della vita. Una sola stretta di mano vale più che tutti i connotati del passaporto.

La stretta di mano è un campo sterminato all’osservazione psicologica, ma io mi limiterò alle nozioni elementari di questa scienza nuova, di questa chiromanzia, che porta scritto nella sua prima pagina: — Dimmi che mano hai e ti dirò chi sei.

Le strette di mano, o signori, si possono dividere in tre specie, in tre gruppi e in tre grandi famiglie: quelle che sono una derivazione del temperamento indi-