Pagina:I cavalieri.djvu/1

Da Wikisource.



I CAVALLIERI


D’ARISTOFANE


COMEDIA. IIII.


                    Le persone de la favola.

Demostene,           Nicia,
Agoracrito, che si chiama Allantopole, cio è che vende trippe.
Popolo,
Coro de cavallieri,
Cleone.

DEMOSTENE PRIMA PARLA.

EIME che disgratie? oime, malamente i dei faciano rovinare il tristo et mal Paflagone con le sue ree volontà, che poco fà, è stato comprato. poi che è intrato in casa, sempre dà de le bastonate a i famiglij.

Ni.
Malissimamente. a’l meno costui è ben il primo di Paflagoni con sua grande vergogna.
De.
O infelice come stai?
Ni.
Male, come tu.
De.
Hor vien qua, che piangiamo la consonantia, lege de l’Olimpo, mymy, mymy, mymy, mymy, mymy, mymy. che cosa ulularemo altramente? non bi-

sognava