Pagina:I cavalieri.djvu/14

Da Wikisource.

D’ARISTOFANE 97


Al.
Ti bastonarò.
Cle.
Ti cavarò la superbia.
Al.
Ti cavarò i denti.
Cle.
Risguardami, et non abbassare gli occhi.
Al.
Ne’l foro anchora io sono allevato.
Cle.
Ti stracciarò, se tu parli niente.
Al.
Ti smerdarò, se parlarai.
Cle.
Confesso di robare: et tu nò?
Al.
Per Mercurio de’l foro, e lo giro che lo vedete.
Cle.
Tu insegni adunque cose aliene, et ti mostrerò à i Pritanesi, che non hai diece ventri sacrati à dei.
Co.
O sciagurato, et gridatore, de la tua audacia tutta la terra è piena, et ogni congregatione, et tributi, et scritture, et tribunali, ò sporco, et fangoso, et che conturbi tutta la nostra cità, che hai insordita la nostra Atena gridando, et che da le pietre di sopra guardi i tributi.
Cle.
Sò io questa novella, d’onde lungamente è posta insieme.
Al.
Ma se tu non sai la compositura, ne anche io le incordationi. che sotto tagliando vendevi la pelle d’un bò cattivo à i villani astutamente, per farlo parere grasso. e à portarlo avanti dì, era magiore di doi palmi.
De.
Et per Giove anchora à me hà fatto questa medesima cosa, à ciò che io dessi derisione assai à i citadini e à gli amici, perche inanzi che fosse à Pergasi, nodava io con le calze.

Co.