Pagina:I cavalieri.djvu/20

Da Wikisource.


Cl.
Sei un zanciatore.
Al.
Sei un mal’huomo.
Co.
Batti gagliardamente.
Cl.
Oime, oime, mi battono costor che ci sono accordati insieme.
Co.
Battilo gagliardissimamente, dagli su la panza. e su’l ventre, e su’l culo, e ammazalo questo huomo da niente.
Co.
O nobilissima carne, e miglior d’animo de tutti, e che sei demostrato servatore de la cità, e di noi citadini: molto bene e variamente sei andato à l’huomo ne le parole, à che modo ti loderemo cosi, come s’alegriamo?
Cl.
Queste novelle fabricate, per Cerere, non m’erano celate, ma sapeva bene che tutte erano attaccate e conglutinate.
Co.
Oime, e tu niente dici da quello che fà i carri.
Al.
Io so ben che cose tu fai in Argo. egli n’escusa ben gli Argivi amici, e privatamente iui s’accorda cò i LacedemoniJ. e io so in quali queste cose sono infisse naturalmente, perche ne i ligati si fabricano.
Co.
Ben bene fabrica per le conglutinate.
Al.
Et fanno festa per questo gli huomini de là un’altra volta. e questo, se me volesti dare ne argento ne oro, non mi darai ad intendere, ne ancho amici mandandomi, per far che questo à gli Atheniesi non dica.
Cl.
Io adunque subitamente al concilio andando, dirò