Pagina:I pericoli della Fede.djvu/4

Da Wikisource.



coi quali giustamente ci percuote, per riparare gli oltraggi a Lui fatti con i tanti insulti commessi contro la nostra santissima Religione, e per conseguire ancora che il Dator d’ogni bene colla sua santa grazia illumini e conforti le menti de’ Fedeli, e li preservi dalla seduzione e dagli errori, che si vanno disseminando in ogni luogo.

Ma oltre le preghiere conviene con ogni cura e perseveranza ammaestrare il popolo, e perciò V. S. non potrà meglio corrispondere alle intenzioni di Sua Santita’, che col prescrivere efficacemente e senza ritardo le istruzioni catechistiche con quel metodo, che nella sua Diocesi crederà più espediente ed opportuno.

Tanto le dovea significare, e le auguro dal Signore ogni prosperità.


Di V. S.


Portici presso Napoli 27 dicembre 1849.


Come Fratello
Fr. A. F. CARD. ORIOLI Prefetto



A. Bizzarri Assessore.