Pagina:L'Utopia e La città del Sole.djvu/20

Da Wikisource.


NE.

se ci manca l'ingegno, ci abbonda il buon volere; senza però far romore o sfarzo di quello eh'è de¬ bito d'ogni editore.

Dicemmo esser al lutto materiale la ristampa torinese rii questi due opuscoli} ma non perciò pretendiamo scemar pregio alle fatiche delf edi¬ tore sig. Alessandro D'Ancona, che esordi giova¬ netto con un lavoro ampio di studj e d'intenti, e fu presagio di quel credilo ch'egli ora con eru¬ dite e fine elucubrazioni va confermandosi e am¬ pliandosi ogni di Ira i letterali.

La Storia del reame degli orsi del Gozzi l'ab¬ biamo ricopiala dalla ristampa venela dell'Alvi- sopoli del 1830, tratta da una gazzetta settima¬ nale intitolata Jl Sognatore italiano pubblicatasi in Venezia in soli 18 numeri dal di il maggio al di 17 settembre 1708 per le stampe del Co¬ lomba ni.

Della vita e delT opere è il titolo ambizioso che si suol preporre alle ristampe da coloro Che come il fdntolin coire alla mamma si attaccano alla veste de'grandi per esser visti in lor compagnia ^ titolo che servì ili frasca a vino sì allungato o corrotto che molti saltano a piò pari il discorso e ricorrono altrove. — Nuova ciarlataneria e sofisticazione letteraria — Un povero erudito raccoglie testi, li discute, gli ordina, gli spega-, ed ecco che uno digiuno di'studj e affamato di lodi, solto pretesto che l'erudito non ò leggibile, lo spolpa, e ne fa un ammorsellato pei lettori mondani, i quali tuttavia troverebbero più digeribile e gustoso il primo lavoro, che la racconciatura o sconciatura del- PREFAZIONE. XXI