Pagina:L'Utopia e La città del Sole.djvu/43

Da Wikisource.


LIBRO PRIMO. ! 9 pili commendi l'istituto die vidi pellegrinando in Persia tra i Polileriti, popoli ottimamente istituiti, e liberi nel¬ l’uso della loro legge, pagando solamente uu tributo al re di Persia. Ma perche sono dal mare lontani e da monti circondati, stanno contenti dei fruiti che na¬ scono nei loro campi assai ben fertili, laonde vanno di raro ad allri popoli, e pochi vanno a loro. E per co¬ stume antico non istudiano di ampliare i loro confini, i quai sono con i monti da esterna ingiuria difesi. Così vivono felici, e pagando il loro tributo, sono da ogni altra gravezza esenti, e perciò solamente dai vicini po¬ poli conosciuti. Chi e convinto di furto, lo rende al padrone di quello; non al principe, come si fa altrove, parendo loro che tanta ragione abbia il principe nella cosa rubata, quanta vi ha il ladro. Non trovandosi il furto, pagasi de Tieni del ladro, ed assegnato il rimanente alla moglie ed ai figliuoli di lui, egli è dannato a la¬ vorare : e se non ha commesso qualche gran furto, non è imprigionato, nè porta i ceppi, ma libero e sciolto si esercita nelle opere pubbliche. Quei che non vo¬ gliono sottostare a questa pena, sono piuttosto battuti che imprigionati; quelli che si affaticano gagliardamente non patiscono ingiuria alcuna. La notte chiamati per nome, vengono rinchiusi in certe camere, nè altro in¬ comodo sostengono che V affaticarsi di continuo. Sono cibati comodamente del pubblico. Kaccogliesi in alcun luogo il loro vivere per elemosina, la quale per la pietà di quel popolo basta d avvantaggio a nodrirli. Altrove si deputano a ciò entrale del pubblico. In alcun luogo ognuno contribuisce a nodrire questi tali. Ed in altri non lavorano in opere pubbliche; ma ciascuno, come gli fa mestieri, li conduce a lavorare a giornata, con mercede alquanto minore di quella che si dfi ad uomo libero; ed è lecito castigare la dappocaggine dei servi con battiture : cosi stanno sempre in esercizio, ed oltre il vivere loro, ogni di danno qualche cosa neU’erario. Ve¬ stono essi soli duno stesso colore, con i capelli ta¬ gliati sopra le orecchie, una delle quali lor tagliano.