Pagina:La Lisistrata.djvu/26

Da Wikisource.


pazze di sedar cose gravi?
Lisistrata
E pur voi, s'haveste qualche intelletto, da le nostre lane v'amministrareste ogni cosa.
Preside
Mò a che modo? fa ch'io lo vega.
Lisistrata
Prima bisognava ben, si come un garzetto di lana ne la lavatura quelli che lavano la sporchezza de la lana fuor de la cità, bastonar ne'l letto i ribaldi, et ammazzar quegli de la compagnia, e pettinar quelli che fanno cospirazione e che s'uccidono tra loro, e strassinarli ne i magistrati, e stirparli via la testa. Poi filarli in un cestelletto tutti à la commune benivolenza, immescolandogli i cohabitanti. E se alcon forastier sarà tra voi, e se alcuno è debitore à la Repub. anchor questi immeschiarli. E per Giove anchora la cità, quanto sono colonie di questa terra, ad esser conosciute, perchè havemo queste avanti come disvolgiture di filo, separatamente ciascuna cosa, e poi da tutte queste torremo la involgitura de'l filo, per adunarlo quà, e congregarlo insieme, e poi faremo il giro grande, e poi da questo popolo intesseremo una vesta.
Preside
Non è dunq; cosa ingiuriosa che costor invenghino et involgino questo, che non hanno mai havuto partecipazion de la guerra?
Lisistrata
Non dimeno ò ribaldissimo piu che'l dopio esso portiamo. Primieramente partorendo e mandando fuora figlij armati.
Preside
Taci non t'arricordar de le'ngiurie.
Lisistrata
Poi quando bisognava che noi stessimo alegre per