Pagina:La Lisistrata.djvu/29

Da Wikisource.

LA LISISTRATA


ua una colana di carice. Non fono io obligata dar qualche buon consiglio à la cità? E se son nasciuta femina, di questo non m’habiate invidia, se portarò anchora miglior cose à le cose presenti, havrò però participation de’ l tributo, per ciò che mando fuora gli huomini. mà voi sventurati vecchij non havrete parte, perchè havete la detta portion de l’avolo di Media, poi quando havrete speso, non conferete insieme i tributi. ma habiamo pericolo oltre à ciò che da voi non siamo distrutte. che cosa havete di farvene beffe? ma se mi darai molesta niuna, con questa calza dura ti darò una mascellata.

Preside
Non sono questi negotij molto ingiuriosi? Et parmi che s’accrescerà la cosa, hor’è da vindicar negotio da quelli che han li testimonij.
Coro
de huomini vecchij. Hor poniamo giu la vesta, perche bisogna che l’huomo hormai senti che habià de l’huomo,ma non è bisogno che stia involto ne la paglia. Horsu Lupipedi, i quali andassimo à Lipsidrio, quando vi erano anchora. adesso, adesso bisogna ringiovenirsi, et elevar tutto ’l corpo, e sciogliere sen()ttu. se alcuno de voi darà una picciol’ ansa à costoro, elle non lasciaranno i doni ricchi de la amministration publica, ma anchora faranno navi e usciranno però à combattere con guerra navale et navigare contra di noi, come Artimisia moglie de’l Rè di Caria andava ne la battaglia: e se convertiranno