Pagina:La Lisistrata.djvu/42

Da Wikisource.


Coro di huomini
Per Giove non, non havete fatto male, ma per la mal'ira, et alhora son spogliato.
Coro di donne
Primamente mi pari un'huomo, poi non da sbeffegiare, et se non mi fascesti dispiacere, io pigliandoti in presenza tua sta bestiola te l'haveria tolta, la quale adesso hai.
Coro di huomini
Questo era che mi affligeva, l'anello, sbattilo fuori, poi mostralomi, che per Giove mi mordeva gli occhij.
Coro di donne
Farò io ogni cosa, quantunq; sij stato huomo difficile, certo t'è licito à vedere una gran cosa ò Giove de culici: non la vedi tu? non è questa una cianciala Tricorisia?
Coro di huomini
Certamente mi hai giovato, che gia molto tempo mi cavava come un fosso: onde poi che egli è cavato fuora, molte lachrime mi scorrono.
Coro di donne
Ben te le forbirò io, benche sei misero, et ti basciarò.
Coro di huomini
Non mi basciare.
Coro di donne
Se vuoi ò non vuoi.
Coro di huomini
Ma non venite à le hore, perche sete adulatrici naturalmente. et quella parola è detta bene et non male ne con perditissimi, ne senza perditissimi, ma fo con teco pace per adesso, e non mai piu. ne farò mal nessuno, ne sarò punito da voi, ma congregati insieme mettiamosi à cantare.
Coro di donne
Non siamo per dir male de citadini ò huomini, ma piu presto il contrario per dirne ben et farlo, che gia molti mali et passati sono. ma ogni huo-