Pagina:La Lisistrata.djvu/8

Da Wikisource.


noi, che non siamo niente se non Nettuno e Scafa. Ma ò cara Laconica se fosti tu sola con meco insieme, salvaressimo la cosa anchora. Consentimi.

Lampitò
Difficili cose ogni modo sono per i dei, che le donne dormano sole senza bestia. Pur tutta via se è conveniente desidero anche forte le paci.
Lisistrata
O carissima tu e sola di queste femine.
Calonica
Se molto assai mò s'asteneremo noi, tu non dici gia che cosa n'averrà piu per questo.
Lisistrata
Si farà la pace.
Calonica
Assai bene per le dee.
Lisistrata
Per ciò che se noi sedessimo in casa sbellettate, e con le vestazzuole di seta, andaressemo ignude havendosi fatto pelare il delta, à gli huomini verrebe l'appetito Venereo, e disiderariano di chiavare, noi poi non gli andaressemo,ma s'asteneressimo. Farebono tregua tosto ogni modo, che so certo.
Lampitò
Menelao adunq; vedute apresso di se le poppe d'Helena ignude, tirò fuora, cregio, la spada.
Calonica
Che poi se gli huomini lasciaranno noi ò meschina?
Lisistrata
Quello che dice Ferecrate, di scorticare una cagna scorticata.
Calonica
Queste ciancie sono tutte imitationi, e se ne pigliaranno, et in casa per forza ne tiraranno?
Lisistrata
Tienti a la porta.
Calonica
E se ne batteranno?