Pagina:La pace.djvu/5

Da Wikisource.

LA PACE


quadrelli, e che si serino il buco.

Ser.
Non tacerò io mai se non mi dici, dove vuoi volare.
Tri.
Che in altro luogo, che à Giove in cielo?
Ser.
Che openione è la tua?
Tri.
Gli voglio dire, che vuol fare de tutti i Greci.
Ser.
Se non, l’accusarai?
Tri.
L’accusarò lui che vuol dare la Grecia à i Medi.
Ser.
Per Dionisio, non farà mai vivendo io.
Tri.
Altro non gli è se non questo, oime, oime, oime, ò figlie il padre abandonandovi se ne và via nascosamente a’l cielo. pregate il padre ò infelici abandonate.
Fig.
O padre ò padre, vera è la fama in casa nostra, che lasciandomi con gli ucelli vuoi andare à i corvi? è niente di vero? dimilo ò padre, se mi ami.
Tri.
Egli è da pensare ò figliuole. di questo vero mi condoglio con voi quando cercarete de’l pane, papa mi domandarete. in casa non era poco argento, e se io ben facendo tornerò anchora, haverete à l’hora una fugazza grande, e un pugno cotto in essa.
Fig.
che via farai? nave certo non ti guidarà à tal via.
Tri.
Un cavallin che vola. non pagherò io nollo.
Fig.
Poi che openion è la tua ò patercino, cavalcando il Cantaro spingerlo à i dei?
Tri.
Ne le favole d’Esopo s’è trovato un solo ucello andar