Pagina:La scotennatrice.djvu/34

Da Wikisource.
30 emilio salgari


rità, aumentando di colpo le acute esalazioni dell’assenzio, delle salvie e delle artemisie.

— I bisonti!... — esclamò John.

Infatti l’immensa orda sfilava con passo affrettato, a meno di due chilometri, dirigendosi verso levante.

Seguiva la medesima via tenuta dai cavalieri i quali, come abbiamo detto, si sforzavano di raggiungere la riviera dell’Horse, sulle cui rive si accampava la colonna del generale Custer, forte di ottocento uomini, incaricata di sorvegliare le mosse sospette degli Sioux e dei loro alleati, poichè, anche in quella seconda insurrezione, gl’indiani avevano lasciate da parte le loro eterne discordie per unirsi contro il loro nemico comune: l’uomo bianco, il distruttore inevitabile della razza rossa.

— Che cosa dite voi, Turner? — chiese John al sotto-sceriffo di Gold City. — Non vi sembra sospetta la fretta di quegli animalacci?

— Più di quanto credete, amico — rispose il campione degli uccisori d’uomini, aggrottando la fronte. — D’altronde si sa che quei ruminanti hanno un fiuto straordinario.

«Hanno già sentito l’indiano e qualche cosa di peggio ancora.

— L’odore del fumo.

— Sì, John.

— Ma dove brucia dunque la prateria? — chiese Harry. — Non si vede nessuna colonna di fumo in alcuna direzione.

— Oh, non tarderanno a mostrarsi — rispose Turner. — Aspettate che il vento giri da ponente a settentrione e vedrete che tromba di fuoco ci capiterà addosso.

«Fortunatamente vi sono i bisonti e ci salveremo dietro le loro colonne, se riusciremo a sfondarle.

«Dov’è il vostro inglese?

John stava per rispondere, quando Giorgio alzò un braccio e, puntando la mano verso il sud, disse:

— Scommetterei il mio rifle contro un dollaro che quell’originale è laggiù, presso l’avanguardia dei bisonti.

— Quel pazzo è capace di fare qualche partita di boxe contro qualche vecchio maschio — disse Harry, ridendo.

— Per farsi guarire il suo spleen da un buon colpo di corna — disse John.

— Non vedi quella macchia nera che spicca sul verde della prateria? — chiese Giorgio.

— Sì.

— Non può essere che il suo cavallo.

— Lo credo anch’io. Andiamo a vedere se è solo o se porta ancora in sella quel pazzo.

Si slanciarono in direzione di quel punto nero, il quale si muoveva con estrema rapidità sul fianco settentrionale della grossa avanguardia dei bisonti, senza che questi però, a quanto sembrava, s’inquietassero.