Pagina:La scotennatrice.djvu/9

Da Wikisource.



LA SCOTENNATRICE


I.


Una caccia ai bisonti.


Allo!...

— Che cosa c’è, John?

— Non senti alcun odore, tu, Harry?

— Mah! Non mi pare.

— E tu, Giorgio?

— Uhm!...

— Siete dunque senza naso?

— Può darsi, John — rispose il giovane che si chiamava Harry.

— Non lo crederò mai, amico. Sono trent’anni che batti la prateria, ammesso che tu abbia imparato a sparare il fucile a dodici anni.

— A undici, John, perchè io ho esattamente quarant’un anni, mentre mio fratello Giorgio non ne ha che trentanove.

— E mentre io ne ho quasi sessanta, Harry.

— E sei ancora un giovanotto, John.

— Lascia andare, amico: faresti meglio a spalancare il tuo naso ed a fiutare forte.

— Fiuto e non sento nulla.

— Pare impossibile!...

Una quarta voce, assai nasale, che storpiava maledettamente quel linguaggio strano parlato dai cacciatori di prateria e che è composto abbondantemente di spagnolo corrotto, d’inglese e di canadese antico, che è quanto dire francese, si fece udire in quel momento.

— Mister John, io non essere venuto qui a udire vostre chiacchiere.

«Io volere uccidere bisonti, non i vostri anni.

«Poco importare a me essere voi giovani o vecchi. Voi non essere bisonti con grandi corna.

— Abbiate un po’ di pazienza, milord — rispose John. — Dietro