Pagina:La tempesta (Shakespeare-Maffei).djvu/13

Da Wikisource.
244 la tempesta.


Vorrei saperti, e che dieci maree
Premessero su te.

                       gonzalo.
                                           No, dal capestro
Penderà, benchè goccia il mar non abbia
Che smentirmi or non paja, e già la gola
Spalanchi ad ingoiarlo.
       (Tumulto confuso tra le scene.)
                                         Ajuto, ajuto!
La nave in due si spezza! O noi perduti!
Perduti noi!... Mia sposa addio!... Miei figli!...
Fratelli addio!... Rompiam! caliamo a fondo.

                       antonio.
Moriam tutti col re.
                         (Via)

                       gonzalo.
                                        Dal re l’addio
Prendiam.
                         (Via)

                       sebastiano.
                            Darei di core un mille miglia
Di mar sol per un jugero di terra,
Sebben cardi, prunaje e male piante
La intricassero tutta. Avvegna pure
Ciò che fisso è lassù; però vorrei
Morire al secco.
                         (Via)