Pagina:La tempesta (Shakespeare-Maffei).djvu/29

Da Wikisource.
260 la tempesta.


                       prospero.
                               Pria che trascorra
Il tempo tuo? Non più di ciò!

                        ariele.
                                               Rammenta
Come servo fedele ognor ti fui,
Non falso mai, non mai caduto in fallo,
Nè di viso, o Signor, nè di parola
Dispettoso, imbroncito. Un anno intero
Condonarmi hai promesso.

                       prospero.
                                      E dalla mente
T’uscì da qual tortura io t’ho disciolto?

                        ariele.
No.

                       prospero.
       Sì; tu l’obbliasti: e t’è gran pena
Discendere per me nel limaccioso
Letto del mar, sul freddo acuto soffio
Del vento boreal librarti a volo,
Penetrar nelle viscere segrete
Della terra gelata....

                        ariele.
                                Oh no, Signore!

                       prospero.
Tu menti, ingrata crëatura! Hai dunque
Sicorace, la immonda, esosa strega
Che l’invidia e l’età piegaro in arco,
Già dimentica tu?