Pagina:La tempesta (Shakespeare-Maffei).djvu/37

Da Wikisource.
268 la tempesta.


Obbedirgli m’è forza. È tale e tanta
La virtù di costui che fin Selèbo,
Dio di mia madre, soggiogar potria.
                     (S’incammina.)

                       prospero.
Non un detto di più! Rientra, o schiavo!
                (Parte con Miranda.)


SCENA IV


FERDINANDO nel fondo della scena, ed ARIELE


invisibile che suona e canta



                     
                     canto d’ariele.
                 Qui Spirti! A questa bionda
                     Marina sponda,
                     Presi per man, volate!
                 Voi, voi che de’ marosi,
                     Cogli amorosi
                     Baci, il furor placate;
                 Venite qui! tessete
                     Caròle, e liete
                     Canzoni modulate.
                 Udite! udite!
                     Questo è il latrato
                     Del guardïano
                     Vigile alano.

                       spiriti.
                 (da parti diverse).
                 «Bai! bai!»