Pagina:Le nebule.djvu/1

Da Wikisource.



LE NEBULE D’ARISTOFANE.


COMEDIA. II.


I nomi di quelli che si contengono ne la favola.


Strepsiade,
Fidippide,
Servidor di Strepsiade,
Discepolo di Socrate,
Socrate,
Coro delle nebule,
Parola giusta,
Parola ingiusta,
Creditore Pasia,
Il testimonio,
Un’altro creditore Aminia,
Cherefonte,


Str.
Oime, oime, ò signor Giove quanto sono lunghe le notti: non si farà hormai dì e pur un buon pezzo è, ch’io hò udito il gallo, e i famigli runchegiano, ma non già da quì in dietro, ò guerra rea per causa de molti, vatene in mal’hora, per ciò che à me non è lecito à punire i servidori. ma ne anche questo da ben giovane di notte si lieva, anzi poltronegia in cinque schiavine involtosi. e se à noi pare, runchegiamo coperti: ma io infelice già dormir non posso, punto, e morduto da la spesa, e da la stalla, e da’l debito, per questo mio figliuolo. & egli con suoi bei capelli