Pagina:Le rane.djvu/37

Da Wikisource.

D'ARISTOFANE 79


Dionisio
O tutto scelerato, in che modo era io ingannato da lui? perche stendi tu le braccia, e l'hai per male?
Euripide
Perche l'arguisco. poi quando che ha zanciato di questo, e ha narrato mezo atto, dice dodeci parole de le buone, che haveano il supercilio, e la celata in capo, sendo gravi: e alcune larvose, e incognite à gli spettatori.
Eschilo
Povero me.
Dionisio
Taci.
Euripide
Et non ha detto niente di manifesto.
Dionisio
Non ce tagliar i denti.
Euripide
Ma scamandri hà nomato, fosse, aquile di metallo che ne li scuti erano, e parole di cavalli precipitative, quale ad intendere non era cosa facile.
Dionisio
Per dio credomi anchora, che alcune notti io habia vigilato, ricercando un Equigallo flavo, che è uccello.
Eschilo
Egli era una pittura sù le navi ò ignorantissimo.
Dionisio
Io mi pensava che 'l fusse l'Erissine di Filoxeno
Euripide
Poi ne le tragedie fargli un gallo?
Eschilo
Tu ò nemicissimo à li dei, in che modo eran quelle cose che facevi?
Euripide
Non gli Equigalli, ne gli Hircocervi, che tu facevi, i quali iscriveno ne le cortine medie: ma poi che pigliai l'arte da te sgonfio di iattantia, e di