Pagina:Le rane.djvu/43

Da Wikisource.

D'ARISTOFANE 82


Euripide
In questo dunq; te hò dato nocumento? facendo che?
Eschilo
Nessun ricco per queste cose vuole signoregiare à la trireme, ma s'è de le vili vesti vestito piagne, e dice che egli è povero.
Dionisio
Per Cerere, s'egli hà sotto una veste di crespe lane, ben che dica che ciò l'habia ingannato, à li pesci se vuole inchinare.
Eschilo
Poi hà insegnato essercitare la loquacità, e il moltiloquio, quale hà evacuato le palestre, e hà persuaso fregare il culo à li giovanetti che zanciano, e hà persuaso i nochieri contradire à soi patroni, e à l'hora che era vivo, non sapevano, se non dimandare una fugazza et dire rhippape.
Dionisio
Per Apolline, et tirar corezze ne la bocca à Thalamace, e cagare adosso à li compagni, et riuscendo spogliar alcuno, adesso egli contradice, e non piu remiga, se non che hor quà, hor là egli naviga.
Euripide
Di che mali non egli è causa? non mostra costui i lenoni, e donne che ne li sacrificij partoriscono, e meschiate con i fratelli, e che dicono ch'el vivere non è vivere? per queste cose la cita nostra è ripiena da scrivani di buffoni, forfanti, simie, che ingannano il popolo sempremai, e indi niuno può portar lampadi à torno per non esservi usato.
Dionisio
Per Giove non, però io son esicato ne li Panatenei, ridendo, e quando ivi è alcun huomo tardo di natura, richinatosi, bianco, graffo, abandonato, fa