Pagina:Le rane.djvu/8

Da Wikisource.

LE RANE


Dionisio
O Dio, puonno pur assai in ogni luogo doi oboli. in che modo andasti tu là?
Hercule
Mi guidò Theseo: poi vederai serpenti, e salvaticine infinite e gravissime.
Dionisio
Non mi far paura, non mi spaventare: che mai mi torrai giu di fantasia.
Hercule
Poi il fango, e 'l luto assai, e 'l sterco nostro, entro vi stanno quelli, che l'hospite hanno ingiuriato, e quelli che l'oro puro han robato, ò han battuta la madre, ò han petato un schiaffo ne le masselle di suo padre, ò han giurato il falso, ò han scritto parola di Morfimo.
Dionisio
Per i dei bisognaria agiugnervi, quelli che hà imparato il ballar di Cinesio.
Hercule
Poi sentirai à suonare, e vederai il bellissimo lume, come è anchor quà, e mirteti, e i felici balli de gli huomini, e de le donne, e 'l gran sbattere de le mani. e altre gentilezze assai.
Dionisio
E che sono questi?
Hercule
Quelli che sono instrutti ne i sacramenti.
Dionisio
Per Giove sarò io l'asino, che guiderà i misterij, e le cose sacre, e piu non le metterò giuso.
Hercule
Presso la via, ne le porte di Plutone sono genti, che ti diranno il tutto, di che haverai bisogno, hor fratello molto mi raccomando à te.
Dionisio
A dio. togli su il letto.
Xanthia
Nanti che metta giuso?
Dionisio
E prestamente.