Pagina:Le selve ardenti.djvu/26

Da Wikisource.
22 EMILIO SALGARI


Verso il basso corso del fiume si udiva un muggito stranissimo, impressionante il quale aumentava rapidamente d’intensità.

— John, — chiese — odi tu?

— Non sono ancora sordo, quantunque non sia più giovane.

— Che cos’è?

— Anche uno scorridore novellino riconoscerebbe in questo fragore poco piacevole, una rapida.

— E noi ci rotoleremo dentro?

— E col giaguaro anche.

— E noi insieme.

— Siamo insieme con lui, signor Devandel.

— Te la prendi con molta flemma.

— Che cosa volete che vi faccia? Io non sono il buon Manitou delle pelli-rosse che può distruggere le cascate e farne risorgere altre a comodo dei suoi figli. Ma ai miracoli del Grande Spirito io non ho mai creduto.

Diavolo! non sono una pelle-rossa io!

— Tu chiacchieri ed intanto la rapida spalanca le sue cento bocche per inghiottirci e fracassarci.

— Chi ve lo ha detto, signor Devandel? — chiese l’indian-agent, il quale non perdeva un atomo della sua calma abituale.

— Se tu dici così vuoi dire che vi è qualche speranza di salvarci noi se non il giaguaro.

— Non sarei così tranquillo.... Conosco le rapide e so che quando vi si cade dentro non si esce più interi. Centomila punte di scoglietti a fior d’acqua vi afferrano e vi macinano come le ruote d’un molino.

— Prendiamo terra?

— È impossibile! Quelle maledette rive si alzano sempre a picco.

— E allora?

— Guardate bene dinanzi a voi, signor Devandel. Non vedete nulla?

— Sì, gli occhi fosforescenti del giaguaro, che pare domandino delle bistecche umane.

— Spingete lo sguardo sopra la testa di quel bestione, che in questo momento non vale nemmeno un miserabile coniglio. Non vedete una linea oscura?

— Sì, la vedo.

— Sapreste dirmi che cos’è?

— Un enorme ammasso di tronchi d’albero, che le prime rocce della rapida hanno fermato.

— Niente affatto: è un isolotto, signor mio; e guido la nostra imbarcazione verso quella terra, che ci darà la salvezza, e ci sbarazzerà anche