Pagina:Le selve ardenti.djvu/28

Da Wikisource.
24 EMILIO SALGARI


— Attenzione! Stringete le ginocchia! — gridò a un tratto l’indian-agent.

Il tronco si sollevò a prora, scaraventando lontano il giaguaro, poi si arrenò bruscamente sfondando una larga fascia di fitti cespugli che coronava l’isolotto.

— Presto, a terra! — gridò John.

Con uno sforzo supremo ritrassero le gambe incrostate di ghiaccio e salirono, traballando come due ubriachi, la riva, mettendosi a saltare disperatamente per riattivare la circolazione del sangue.

Un mezzo minuto dopo anche il tronco montato da Harry e da suo fratello si gettava dinanzi all’isolotto, uscendo più che mezzo dalle acque per la grande spinta della corrente.

— Avanti, amici! — gridò John, il quale non cessava di saltare. — La porta dell’albergo è aperta, ma fate attenzione al portiere. Ora che è a terra il giaguaro, è capace di gettarsi su di noi. —