Pagina:Macbeth.djvu/39

Da Wikisource.
36 MACBETH


Pascetevi! E tu, notte, oscura notte!
Spegni il lume diurno, e d’infernale
Caligine ti fascia, onde il mio ferro
Non vegga il petto che trafigga, e messo
Dal cielo non scenda, che, squarciato il velo
Delle tenebre tue, mi gridi «arresta!»


SCENA XI
LADY MACBETH e MACBETH


lady
Signor di Glami e di Caudor, ma grande
Più pel terzo presagio, io ti saluto!
Mi levò quel tuo foglio oltre i confini
Dell’angusto presente, e nel futuro
Fiso or lo sguardo inebbriato.
macbeth
O cara
Mia donna! ...In questa sera è qui Duncano.
lady

E quando partirà?
macbeth
Dimani... ei pensa.
lady
Oh mai questo dimani il sol non rechi!
Il tuo volto, o Macbetto, è un libro aperto
Ove leggersi può da chi vi guarda
Perigliosi disegni. Or se giovarti