Pagina:Occhi e nasi.djvu/197

Da Wikisource.


— 196 — negli spedali, per poterli così consolare della fucilata toccata loro sul prato del Tiro ti 8t9fl0, è cosa giusta e umana, domandiamo noi, acero. scere il, numero di quegli infelici maestri comunali, i quali, in grazia dei loro stipendi diafani e impalpabili come l’aria, sono condannati da un anno altro a mangiare tutti i giorni una colazione in miniatura, ‘In pianto dipinto all’acqne— reflo e una modestissirna cena in fotografia? E se finisse qui, pazienza: ma e’ è da sciogliere un quesito tremendo: il quesito, cioè, se qnest’obbligo in tutti di sapere almeno leggere e scrivere sia veramente un bene o un male. Non ci facciamo illusioni: il saper leggere è una vanità che ha pur troppo i suoi pericoli, e la storia è là per provarlo. Basti, fra tanti esempj, quello di Francesca da Rimini e del suo cognato, i quali, come racconta il poeta, s’innamorarono perdutamente, mentre stavano leggendo insieme: Noi leggevamo un giorno per diletto.... Se Francesca e Paolo fossero stati due analfabeti, chi lo sa che l’adulterio non avesse fatto un corso più benigno, e che quel povero diavolo di Lanciotto non fosse riuscito a risparmiami, in faccia alla posterità, il titolo di marito, nel significato afihittivo e patologico della parola. E lo scrivere? Anehe l’arte dello scrivere, Eccellenza, è un’arte insidiosa, la quale, volere o no, ha riempito il mondo di eresie, di spropo