Pagina:Odissea (Pindemonte).djvu/16

Da Wikisource.



LIBRO PRIMO.





     Musa, quell’uom di moltiforme ingegno
Dimmi, che molto errò, poich’ebbe a terra
Gittate d’Iliòn le sacre torri;
Che città vide molte, e delle genti
5L’indol conobbe; che sovr’esso il mare
Molti dentro del cor sofferse affanni,
Mentre a guardar la cara vita intende,
E i suoi compagni a ricondur: ma indarno
Ricondur desiava i suoi compagni,
10Che delle colpe lor tutti periro.
Stolti! che osaro vïolare i sacri
Al Sole Iperïon candidi buoi
Con empio dente, ed irritaro il Nume,
Che del ritorno il dì lor non addusse.
15Deh parte almen di sì ammirande cose
Narra anco a noi, di Giove figlia, e Diva.
     Già tutti i Greci, che la nera Parca
Rapiti non avea, ne’ loro alberghi