Pagina:Patria Esercito Re.djvu/38

Da Wikisource.
20 parte prima



“Spiegato in siffatta guisa il nostro pensiero, dipendiamo da V. E., e cogliamo l’occasione, ecc., ecc. — Firmati: Giuseppe Calucci, Giorgio Foscolo„.


Patria Esercito Re pxx1.jpg


A questa dei delegati, tenne dietro, da Milano 11 giugno, un’altra lettera di De Bruck, così concepita;

Ai Signori Calucci e Foscolo, Venezia,

“La risposta, in data del 9 corrente, con cui le LL. SS. vollero favorire la mia del 5, non potea a meno di destare in me il senso dispiacevole, che non siensi abbastanza compresi i principii che solo possono formare base ad un avvicinamento.

“Mi si assicura, che, nelle trattative, da parte mia non si sarebbero offerte che speranze. Ma, o si voglia considerare la posizione del Regno Lombardo-Veneto in faccia alle provincie dell’Impero — ed in questa parte sta il fatto ormai compiuto della Costituzione 4 marzo, di cui ad ogni buon fine acchiudo un esemplare, la quale stabilisce per principio fondamentale ed indeclinabile, che il Regno stesso forma parte integrante della Monarchia, — oppure si voglia considerare la Costituzione speciale di queste Provincie, ed avvisare in modo concreto ai rapporti di un Regno Veneto col resto della Monarchia, e specialmente nel Regno Lombardo, allora si presenta meglio definito il campo, sul quale solo è dato di venire a trattative; le quali avrebbero per risultamento, non già speranze o promesse, ma la concessione effettiva di tutte quelle istituzioni che fossero possibili col suaccennato principio della costituzione 4 marzo p. p.

“Rassicurate le LL. SS. che per tal mezzo arrivare si potrebbe ad una positiva e soddisfacente combinazione, e rimanendo così rimossi i dubbi che sembravano averne impedita la iniziativa, non abbandono la speranza che l’assennatezza di codesti cittadini, penetrata dalla gravità delle circostanze, non vorrà lasciarsi sfuggire la propizia occasione di concorrere, col fatto proprio, a stabilire la condizione futura della patria, anzichè abbandonarla all’esito, non più dubbio, nè lontano di una guerra micidiale e devastatrice.

“Le LL. SS. apprenderanno, da questa leale e franca mia risposta, quanto apprezzavo il franco e leale loro linguaggio, e vorranno accettarla