Pagina:Poemi (Byron).djvu/62

Da Wikisource.
60 il corsaro


Aspre, e baciata avrìa la man che spento
Lo avesse ne la mischia; una di tante,
Non fuvven’una, che tra l’ombre (in Cielo
Chieder non osa ) lo spignesse.... E solo,
Ei di tanti respira, ei che sì audace
Per morir combattèo? Così profondo
Fremer si sente il cor, qual freme in petto
A ognun che giù da la sublime ruota
Precipitò della fortuna, e or ode
Del vincitore la minaccia, e mira
Gli infiniti delitti, e il loco infame,
Ove fra lenti aneliti omai debbe
Pagarne il fio. Ma quel ch’a sue trist’opre
Fu scorta, Orgoglio, or d’ogni affetto è velo
E del suo duol; in suo severo, e cupo
Aspetto, più che prigionier, tel’ credi
Conquistator; qual è domato, e infranto
Dal duro affaticarsi, e dalle crude
Agrezzate ferite, intorno gira
Chetamente lo sguardo. L’arrogante
Folla da lunge, or che cessò il periglio,
Urla, ed irrìde, ma il guerrier che move
A lo suo fianco, non insulta o spregia
Tanto nemico, ed il feroce sgherro
Ch’al suo carcere veglia, silenzioso
Lo guata, e trema.