Pagina:Poemi conviviali (1905).djvu/59

Da Wikisource.

Anticlo 39



spinse nel seno alle fanciulle il ferro;
chè non prede voleva; egli voleva
udir, tra grida e gemiti e singulti,
la voce della sua donna lontana.
Ma era nella sacra Ilio il nemico
di gloria Antìclo, non in Arne ancora,
fertile d’uva, o in Aliarto erboso:
e in un vortice rosso Ilio vaniva
a’ piè del plenilunïo sereno.
Morti i guerrieri, giù nelle macerie
fumide i Danai ne battean gl’infanti,
alle lor navi ne rapian le donne:
e d’Ilio in fiamme al cilestrino mare,
dalle Porte al Sigeo bianco di luna,
passavano con lunghi ululi i carri.



IV



Ma non ancora alle Sinistre Porte
Antìclo eroe dalla città giungeva.
Lì l’auriga attendeva il suo guerriero
insanguinato; e oro e bronzo, il carro,
e la giovane schiava alto gemente.
Voto era il carro, solo era l’auriga:
legati con le briglie abili al tronco
del caprifico, in cui fischiava il vento,
i due cavalli battean l’ugne a terra,
fiutando il sangue, sbalzando alle vampe.
Ma non giungeva Antìclo: egli giaceva
sul nero sangue, presso l’alta casa
di Deifobo. E dentro eravi ancora
fremere d’ira, strepere di ferro: