Pagina:Saul.djvu/32

Da Wikisource.
28 saul


SAUL

Che fia?
Sdegno sta su la faccia de’ miei figli?
Chi, chi gli oltraggia? Abner, tu forse? Questi
50Son sangue mio; nol sai?... Taci: rimembra....

GIONATA

Ah! sì; noi siam tuo sangue; e per te tutto
Il nostro sangue a dar siam presti....

MICOL

O padre,
Ascolto io forse i miei privati affetti,
Quand’io lo sposo a te richieggo? Il prode
55Tuo difensore; d’Israél la forza,
L’alto terror de’ Filistei ti chieggo.
Nell’ore tue fantastiche di noja,
Ne’ tuoi funesti pensieri di morte,
David fors’ei non ti porgea sollievo
60Col celeste suo canto? or di’: non era
Ei; quasi raggio alle tenébre tue?

GIONATA

Ed io; tu il sai, se un brando al fianco io cinga;
Ma; ov’è il mio brando, se i sonanti passi
Del guerrier dei guerrier norma non danno
65Ai passi miei? Si parlería di pugna,
Se David qui? vinta saría la guerra.

SAUL

Oh scorsa etade!... Oh di vittoria lieti