Pagina:Saul.djvu/36

Da Wikisource.
32 saul


30Pazíenza, umiltade, amor, preghiere,
Ed innocenza. Io deggio, se il vuol Dio,
Perir qual figlio tuo, non qual nemico.
Anco il figliuol di quel primiero padre
Del popol nostro, in sul gran monte il sangue
35Era presto a donar; nè un motto, o un cenno
Fea, che non fosse obbedíenza: in alto
Già l’una man pendea per trucidarlo,
Mentre ei del padre l’altra man baciava. —
Diemmi l’esser Saúl; Saúl mel toglie:
40Per lui s’udía il mio nome, ei lo disperde:
Ei mi fea grande, ei mi fa nulla.

SAUL

Oh! quale
Dagli occhi antichi miei caligin folta
Quel dir mi squarcia! Oh qual nel cor mi suona!... —
David, tu prode parli, e prode fosti;
45Ma, di superbia cieco, osasti poscia
Me dispregiar; sovra di me innalzarti;
Furar mie laudi, e ti vestir mia luce.
E s’anco io re non t’era, in guerrier nuovo,
Spregio conviensi di guerrier canuto?
50Tu, magnanimo in tutto, in ciò non l’eri.
Di te cantavan d'Israél le figlie:
 »Davidde, il forte, che i suoi mille abbatte;
 »Saúl, suoi cento.» Ah! mi offendesti, o David,
Nel più vivo del cor. Che non dicevi?