Pagina:Saul.djvu/37

Da Wikisource.

atto ii. 33


55»Saúl, ne’ suoi verdi anni, altro che i mille,
 »Le migliaja abbatteva: egli è il guerriero;
 »Ei mi creò.»

DAVID

Ben io ’l dicea; ma questi,
che del tuo orecchio già tenea le chiavi,
Dicea più forte: »Egli è possente troppo
60 »David: di tutti in bocca, in cor di molti;
 »Se non l’uccidi tu, Saúl, chi’l frena?» —
Con minor arte, e verità più assai,
Abner, al re, che non dicevi? »Ah! David
 »Troppo è miglior di me; quindi io lo abborro;
65 »Quindi lo invidio, e temo; e spento io ’l voglio.»

ABNER

Fellone; e il dì, che di soppiatto andavi
Co’ tuoi profeti a susurrar consigli;
Quando al tuo re segreti lacci infami
Tendevi; e quando a’ Filistei nel grembo
70Ti ricovravi; e fra nemici impuri
Profani dì traendo, ascose a un tempo
Pratiche ognor fra noi serbavi: or questo,
Il dissi io forse? o il festi tu? Da prima,
Chi più di me del signor nostro in core
75Ti pose? A farti genero, ch’il mosse?
Abner fu solo....

MICOL

Io fui: Davide in sposo

Vol. V.